Medea Kali ( Sestri Levante )

TEATRO LIBERO DI PALERMO

MEDEA KALI

LUNEDI 23 LUGLIO ORE 21.15 ARENA CONCHIGLIA, SESTRI LEVANTE

Testo di Laurent Gaudé, traduzione e regia di Beno Mazzone, musiche di Antonello Guida, luci di Fiorenza Dado. Spettacolo che vede protagonista VIVIANA LOMBARDO.

Medea ha ucciso i suoi bambini. Il tempo è trascorso ma l’idea che i suoi figli riposino in terra greca le è insopportabile. Ritorna sulla tomba dei suoi figli per portarli via e perché la sua vendetta sia totale. Si accorge allora che è seguita da un uomo che non conosce. Fa attenzione a non avvicinarsi mai ma la segue ostinatamente. Le piace la sua presenza. Gli parla. Questo sconosciuto sarà il suo prossimo amante o il più feroce dei suoi nemici? Sente che sarà ben presto nelle sue grazie. Perché è bello e perché Medea non ha mai saputo resistere alla bellezza degli uomini. Scritta nel 2003, Medea diviene, nella scrittura di Gaudé, la dea della morte, della danza e dell’amore e viene rinominata Medea Kali, con una origine indiana, un nuovo popolo.

Drammaturgo e romanziere nato nel 1972, Laurent Gaudé, ha conseguito la laurea in Scienze dello spettacolo. Ha pubblicato con Actes Sud sei pièces di teatro e due romanzi. Conosciuto al grande pubblico grazie al Premio Concourt nel 2004 per il romanzo “Le soleil des Scorta”, è in teatro che Gaudè, autore di una tesi sull’arte teatrale, inizia la sua carriera di scrittore. “Combats de possedée” (1999), “Onysos le furieux” (2000) – rappresentata per la prima volta al Théâtre National di Strasburgo -, “Les sacrifièes” sono testi messi in scena a Parigi, Berlino, Londra… Nel 2001 sono pubblicati “Pluie de cendres” (rappresentato al Teatro Studio dalla Comédie Française) e il suo primo romanzo “Crise”, mentre l’anno dopo i due testi teatrali “Cendres sur les mains” e “Le Trigre blue de l’Euphrate”. Con il suo secondo romanzo “La mort du Roi Tsongor” – tradotto e pubblicato in Italia da Adelphi – vincendo il Premio Goncourt degli studenti nel 2002, segna la sua notorietà. Recite iniziatiche e scene simboliche, l’autore rivisita un universo mitologico, coronato ogni volta, di uno stesso successo di pubblico e critica.

Info Tel. +39 010 2477045 Tel. +39 373 7894978 www.lunariateatro.it info@lunariateatro.it